Louis Ghost di Kartell – 10 anni e non sentirli

La sedia Louis Ghost, disegnata da Philippe Starck, ha compiuto 10 anni. Non poteva essere diversamente per una sedia che ha rivisitato la tradizione, ha sfidato la tecnologia, diventando la sedia Kartell più famosa nel mondo.

Due anni dopo la nascita della prima sedia in policarbonato, La Marie, la trasparenza è già stata portata in scena, e stavolta il minimalismo non è più necessario. Piuttosto, ora per Starck è necessaria un’iniezione di memoria: e così le forme barocche delle sedute Luigi XV vengono rivisitate in una poltroncina che il materiale plastico rende ultra-contemporanea, in una commistione inedita, affascinante e sorprendente di antico-moderno. Un coraggioso esempio d’iniezione del policarbonato in un unico stampo.

La realizzazione di questo progetto è per Kartell un’autentica sfida tecnologica: sia tratto distintivo dello schienale a medaglione sia i braccioli costituivano un ostacolo di non indifferente portata. Evanescente e cristallina ma al tempo stesso stabile, resistente agli agenti atmosferici e a prova di urto. Un personaggio dal forte carisma e d’indubbio appeal estetico, perfetto rappresentante dello spirito del suo creatore nel coniugare l’ironia della traccia stilistica alla produzione industriale.

E’ proprio la commistione tra classico e moderno che fa si che Louis Ghost si trovi a suo agio sia in ambienti tradizionali sia in quelli di avanguardia. E grazie alla sua tecnica costruttiva, sia all’esterno sia all’interno. Un successo globale, infatti.